Home

La Tenuta delle Rocchette è una proprietà composta dal Forte delle Rocchette, dalla Torre di Cala Galere e dall’agriturismo collocato sul promontorio denominato San Giovanni a cui fanno capo cinque appartamenti situati in due grandi case coloniche. Le strutture sono a picco sul mare ed immerse in una realtà incontaminata dove si può ancora respirare l’aria dell’antica maremma e il profumo della macchia mediterranea.

Storia

Durante il Medio Evo molte torri furono costruite in difesa della costa toscana, minacciata dalle scorrerie dei pirati saraceni, che avevano nell’isola di Montecristo la loro base nel Tirreno. Si trattava principalmente di torri di avvistamento, situate in punti strategici, in modo che potessero dare l’allarme alle guarnigioni dislocate nelle città vicine. Il complesso della Torre di Cala Galera venne costruito come torre di avvistamento nel corso del XII secolo.

Nel XV secolo, quando la minaccia dei pirati si fece più forte, nei punti della costa più facilmente accessibili, tali torri furono ulteriormente ampliate e fortificate.
Il Forte delle Rocchette venne costruito, sull’estremità della scogliera, a picco sul mare, in un una posizione che lo ha reso un capolavoro di architettura militare unico al mondo.
Il Forte e’ caratterizzato da una torre a pianta quadrata che ha perduto la sua parte sommitale e da mura merlate.
Questo castello ha subito le sue ultime modifiche nel 1700, quando i granduchi lorenesi riadattarono le fortificazioni alle moderne esigenze militari.
Fu acquistato nel 1800 dal Marchese Eugenio Niccolini che vi dimorò e ne fece casa di caccia. Uomo illustre per intelletto e ingegno, di rara signorilità difese la Maremma dall’avanzare della modernità. Amante della caccia e della natura,  diventerà amico e  compagno di battute dei migliori e più noti personaggi della letteratura, dell’arte e della nobiltà dell’epoca: Giosuè Carducci, Gabriele D’Annunzio, Eugenio Cecconi, Mario Puccioni, Luigi Ugolini e tanti altri. Esperienze e incontri raccolti nel libro “Giornate di Caccia”.
Nel corso del Novecento  dopo la morte del Sen. Niccolini l’intero complesso passa agli eredi diretti ma conosce un periodo di degrado, terminato con un recente restauro a opera degli attuali proprietari.
Il restauro è stato fatto in conformità ai rilievi acquerellati effettuati nel 1700 dall’Architetto delle Fabbriche Granducali.
Oggi La Tenuta delle Rocchette è residenza estiva e casa di caccia dei Marchesi Lucifero che con dedizione ne custodiscono, il suo essere, come scrisse  Luigi Ugolini,  “ la custode dell’anima della vecchia maremma”.